De Giovanni
Metalli Preziosi Srl

Via Santa Maria Fulcorina, 20
20123, Milano
Tel. 02/87.67.33
Fax. 02/80.52.097
info@degiopreziosi.com
Compra Vendi
mercoledì 22 novembre 2017 ore 00.00 fare shopping con oro elettronico


È passato più di un secolo da quando le persone usavano regolarmente le sterline d'oro per pagare i loro acquisti e 86 anni dopo che la Gran Bretagna aveva completamente abbandonato il gold standard. Un'azienda startup di Londra ha piani ambiziosi per riattivare i pagamenti tramite oro.

Glint Pay Services sostiene di essere riuscita a "reintrodurre l'oro come denaro" con una carta di debito che consente alle persone di accumulare diritti sull'oro, di inviarlo come regalo oppure di utilizzarlo per transazioni con controparti - per grammo o frazione di grammo.  

Jason Cozens, amministratore delegato e co-fondatore della società londinese, ha affermato che era sicuro che ci sarebbe stata una domanda per il prodotto che è disponibile da oggi attraverso un'app per telefoni cellulari e utilizzando una carta di plastica Mastercard convenzionale. 

I saldi in oro detenuti dai titolari di carta saranno supportati da oro fisico detenuto in un caveau bancario accreditato in Svizzera.
I prodotti e le transazioni d'affari possono quindi essere prezzati e pagati in oro tramite il passaggio di una carta di plastica. Le persone useranno i loro smartphone per monitorare i loro saldi in d'oro.

La resurrezione di uno dei più antichi mezzi di scambio del mondo avviene mentre
continua a crescere l'interesse per il bitcoin e le altre criptovalute. la scorsa settimana il prezzo di un bitcoin è salito alla quotazione record di 8mila dollari. Tuttavia, mentre i bitcoin fanno affidamento sulla fiducia dei consumatori in un algoritmo informatico, la nuova "valuta" di Glint è sostenuta da diritti su oro reale. L'oro continua ad avere molti sostenitori come riserva di valore a causa della sua relativa scarsità e perché non può essere svalutato da alcun governo che alimenta l'inflazione.

Per approfondimenti:

articolo sul Financial Times

articolo su: il Sole 24 Ore



Torna alla Home del Blog